Schwazer doping : tutte le dichiarazioni



Alex Schwazer domani parlerà alla stampa. A Bolzano per le ore 12 è previsto un incontro con i giornalisti presso l’hotel Sheraton di via Buozzi. Ad annunciarlo è Giulia Mancini, manager di Schwazer, che inoltre ha dichiarato “È sempre stato disponibile ad ogni genere di azioni sociali e quindi sono rimasta stupita della sua azione di avvicinarsi al mondo orribile che ha sempre detestato del doping. Che denunci chi gli ha dato questo prodotto, chi glielo ha consigliato di prenderlo. Mi ha detto che non dirà mai come è successo.”conclude la Mancini.

L’atleta azzurro, vincitore a Pechino 2008 dell’oro nella 50 km, raggiunto anch’egli dall’agenzia Ansa, con poche parole tra la disperazione e il dispiacere spiega che voleva “essere più forte per questa Olimpiade” ammettendo di aver sbagliato, “meglio che non mi chieda come sto” dichiara.

Chi imbroglia non vince. L’atleta ha fallito il test ed e’ stato squalificato. Non abbiamo altro da dire” queste invece le dichiarazioni di  Mark Adams, portavoce del Cio. Mentre c’è tanta amarezza e incredulità per l’allenatore di Schwazer, Michele Didoni; “Mi ha telefonato e mi ha detto di mettermi seduto, che aveva una notizia brutta da darmi e che il fermato per doping è lui. Io avevo pensato che si fosse procurato uno stiramento… Quando mi ha spiegato di che cosa si trattava, non ho neppure voluto chiedergli perché l’ha fatto. Non ci sono giustificazioni. A 28 anni si è uomini, non più ragazzi. Alex deve crescere e cambiare vita. Continuava a ripetere puerilmente “mi prendo tutte le responsabilità”, senza capire che il suo gesto individuale ricadrà su tanti. La madre stava per essere ricoverata al Pronto soccorso per la tensione”.

La Kinder Ferrero, invece in un comunicato stampa annuncia

 

Comunicato stampa 6 Agosto 2012

Ferrero è dispiaciuta dal punto di vista umano per quanto accaduto nella vicenda di Alex Schwazer. Un ragazzo semplice che, compiendo un atto molto grave ed antisportivo, ha buttato via una carriera di impegno e fatica probabilmente perché non ha retto psicologicamente alla pressione delle aspettative di tutti dopo l’oro di Pechino 2008.

Il contratto con Ferrero era in scadenza dopo le Olimpiadi di Londra 2012 e, ovviamente, non verrà rinnovato. Comunque va rilevato che tutti i contratti che Ferrero stipula con i suoi atleti prevedono una clausola di risoluzione per comportamenti non etici ed antisportivi.”

 

Per quanto riguarda la fidanzata dell’atleta, Carolina Kostner, sempre l’agente di Schwazer, Giulia Mancini spiega “Carolina è vicina al suo fidanzato in questo momento ma la sua decisione di tornare all’attività agonistica a fine anno non ha nulla a che vedere con questa vicenda. Lei ama molto il suo Alex e gli sarà molto vicina ma la decisione di saltare le prime gare il 2 ottobre, e non ad agosto come qualcuno ha detto, l’ha presa perché avendo deciso di continuare l’attività agonistica solo a luglio, non sarebbe stata in forma e quindi insieme al suo allenatore ha deciso di rientrare a dicembre per i campionati italiani e poi continuare verso gli Europei ed i Mondiali a marzo. Carolina ha comunque una vita agonistica separata da quella di Alex”.

In conclusione le dichiarazioni del presidente della Coni, Petrucci: “È una pagina di sport che non avrei mai voluto vivere e che mi ha ferito.” La decisione è stata presa in meno di dure ora “ma per questo non ci sentiamo né fenomeni né eroi. È una notizia che farà il giro del mondo. M i auguro che ogni Comitato nazionale faccia come noi. Questo è un caso che comunque non offuscherà la serietà dello sport italiano”.

Infine la Procura antidoping del Coni, ”ha provveduto ad iscrivere un procedimento disciplinare a carico di Alex Schwazer, risultato positivo per eritropietina ricombinante a seguito di controllo antidoping effettuato il 30 luglio dalla Wada”. Inoltre, sempre la Procura, ha chiesto “al Tribunale nazionale antidoping del Coni la sospensione immediata dell’atleta da ogni attività agonistica.” come è riportato in un comunicato flash Ansa.