Sarah Scazzi Ultime Notizie: stufi delle foto a Michele Misseri!



Sinceramente, le foto a Michele Misseri che dorme sulla sdraio o che sposta i bidoni dal garage o che, ancora, se ne va felice in bicicletta ad Avetrana hanno un po stufato. Misseri è comunque il membro di una famiglia di omicidi e, anche se non è stato l’esecutore materiale del delitto, ha comunque deciso di non denunciare i propri familiari e di gettare il corpo dell’amata nipote in un pozzo! Un individuo del genere, seppur sottomesso, succube e chi più ne ha più ne metta, non può e non deve diventare l’eroe di Avetrana o peggio il protagonista della fiction sul giallo della morte di Sarah. La stessa domanda posta all’uomo da Remo Croci, a Quarto Grado, ha dell’incredibile: E’ vero che guardi i film di Celentano e di Bruce Lee? La risposta dell’opinione pubblica sorge spontanea : Ma a noi cosa ci importa di quello che fa Michele Misseri quando non si autoaccusa con racconti nauseanti ed irrispettosi della memoria della nipote! Basta, basta, basta: si deve investigare e mostrare gli inquirenti all’opera e non raccontare la vita del contadino di Avetrana che, lo ricordiamo, non è poi così innocente, avendo deciso liberamente di occultare il corpo di una ragazzina innocente!

Che poi la regia del film sia della moglie e della figlia è da molto che noi di Donna10 lo sosteniamo. Nuove intercettazioni spiegano meglio il ruolo di matrona della Sig.ra Misseri Cosima e di “suggeritrice”. In particolare, un’intercettazione ambientale del 23 maggio, periodo nel quale il marito era ancora in carcere, spia una conversazione alquanto interessante fra Cosima e Michele. La donna avrebbe spinto il marito a confessare la violenza sul cadavere di Sarah e se l’uomo dapprima è sembrato titubante ha poi ceduto al potere della moglie. Come ha giustamente sottolineato lo psichiatra Alessandro Meluzzi a Quarto Grado, c’è anche un’altra intercettazione interessante. I due si sarebbero molto preoccupati circa l’illibatezza di Sarah! Perché? Forse qualcuno in famiglia aveva abusato di lei in precedenza? Forse Sarah è stata uccisa, come ha detto la madre, perché ha visto qualcosa di perverso a cui non avrebbe dovuto assistere?

Una nuova testimonianza, poi, quella di Donato Massari, padre di un’amichetta di Sarah, avvalorerebbe la tesi secondo la quale Cosima, tra le due e le due e trenta del 26 agosto scorso, non sarebbe stata a riposarsi come ha sempre affermato, ma avrebbe scorrazzato su e giù per Avetrana con la sua Opel Astra. A fare che? Donato avrebbe visto, appunto, l’Opel di Cosima viaggiare a velocità sostenuta nelle vicinanze di Via Deledda. L’uomo ha anche fatto una foto alla macchina! Venuto poi a sapere dell’omicidio, ha fatto due più due! Quindi potrebbe essere vera la versione secondo la quale Sarah si sarebbe allontanata da casa Misseri, forse perché, chissà, aveva visto qualcosa che non le era piaciuto ed era stata poi seguita dall’auto di Cosima che l’avrebbe fatta salire in macchina con la forza per riportarla a casa!

Lunedì il tribunale del riesame deciderà in merito all’istanza di scarcerazione presentata dai legali di Cosima e Sabrina. Ovviamente, con tutti i dati emersi in questi giorni, non crediamo proprio che le donne vengano rimesse in libertà!