Rosa Stagnetti, ex concorrente GF, rischia il carcere



Rosa Stagnitti, ex concorrente della quinta edizione del Grande Fratello sta correndo il serio rischio di finire in reclusione e questa volta non attraverso una porta rossa che porta all’interno di una casa a Cinecittà. ma un cancello d’acciaio che finirebbe col separarla dal resto del mondo.

La donna, originaria di Taurianova, infatti, è sotto indagine per favoreggiamento aggravato dalle modalità mafiose nei confronti di presunti affiliati alla cosca Pesce di Rosarno. Lei è venuta a conoscenza di questa situazione solo nella giornata di oggi, quando è stata chiamata a presentarsi in aula, davanti al tribunale di Palmi, per lasciare una deposizione nel corso del processo alla cosca. E’ stata convocata dalla difesa di Antonino “testuni” Pesce, ritenuto il vero capo dell’organizzazione.

Appena ha preso posto nel banco dei testimoni, il Pubblico Ministero della DDA di Reggio Calabria, Alessandra Cerreti, ha informato il tribunale dell’iscrizione della donna nel registro degli indagati. Il presidente, subito dopo, ha nominato un difensore d’ufficio temporaneo ed ha informato Rosa Stagnitti che essendo indagata nel procedimento in corso poteva avvalersi della facoltà di non rispondere. Superata la forte sorpresa iniziale, Rosa Stagnitti si è immediatamente consultata con l’avvocato d’ufficio e dopo un breve colloquio ha deciso che almeno per questa udienza fosse il caso di avvalersi della facoltà di non rispondere.

Stagnitti, da tempo lontana dai riflettori televisivi, attualmente gestisce un’attività commerciale a Taurianova e come detto ad inizio articolo partecipò alla quinta edizione del Grande Fratello (andata in onda tra il settembre ed il dicembre del 2004), assieme al marito Alfio Dessì.