Robert Pattinson News: solitudine, alcol e carriera politica



Ancora oggi, dopo anni e anni che seguo il cinema e la vita delle star, mi meraviglio ancora quando mi arrivano certe notizie (al di là della consapevolezza che il più delle volte sono montate ad arte).

Che gli attori e i personaggi famosi in generale siano di fondo “comuni” esseri umani come noi, si sa. E che la loro vita, per quanto scintillante, nasconda oscuri segreti ed enormi difficoltà legati all’essere famosi, anche. Ma quando leggo da qualche parte che “poverini” sono soli, depressi, senza amici e via dicendo, cosa devo pensare? Cioè, se non riescono a essere felici loro (almeno in parte) con tutte le possibilità che hanno in più, cosa dovrebbe dire la maggior parte di noi, con tutti i piccoli e grandi problemi che ci portiamo dietro? Io capisco che quando si hanno addosso gli occhi del mondo intero sia tutto più difficile e complicato, ma sapete mia nonna cosa direbbe? Hai voluto la bicicletta? Era il tuo sogno? Ce l’hai messa tutta per arrivare dove sei? E allora ringrazia e pedala! Il rovescio della medaglia esiste da sempre, in tutte le cose.

Robert Pattinson sembra stia soffrendo di solitudine, ad esempio. Ha recentemente dichiarato in un’intervista a Max di essere solo. Di non avere amici lontano dal set e dai riflettori e di ritrovarsi spesso, dopo il lavoro, chiuso nella propria camera d’albergo a ubriacarsi, cercando di annegare tali consapevolezze nell’alcol.

Che l’enorme successo piovutogli addosso grazie all’interpretazione di Edward Cullen nella saga di Twilight abbia potuto in qualche modo destabilizzarlo (oltre a renderlo ricco e popolare) non ci piove. Che sopportare le pressioni della stampa, dei tour promozionali e tutto ciò che comporta il suo lavoro non sia facile, anzi, glielo concediamo. Ma da qui a dire di essere solo al mondo, di non avere amici o addirittura nessuno (a proposito, dov’è finita la sua dolce metà Kristen Stewart?) e di doversi attaccare alla bottiglia per far fronte a ogni nuovo giono mi pare un po’ esagerato. Voi non trovate? Magari serve un equilibrio interiore, una forza d’animo e psicologica che non tutti possiedono, certo o almeno non ancora a 25 anni (età di Pattinson), ma bisogna sforzarsi di reagire! Di tirare avanti al meglio, modificando la situazione intorno a noi.

E forse ci sta provando il nostro bell’attore, che ha di seguito confessato di avere un sogno nel cassetto: la carriera politica. Ma si rende conto che anche in quel campo lo stress non è da meno? Probabilmente no. E non creda che la fama lo lascerà in pace. Se adesso non riesce manco a bersi una birra in pace in un bar (parole sue) senza essere assalito da gruppi di sedicenni pronte a saltargli addosso, se mai dovesse candidarsi a chissà qualche ruolo in un qualche partito la storia sarebbe tale e quale, con in più il dovere di mostrare la sua faccia ovunque e comunque, con tanto di discorso studiato da appioppare al pubblico per promuovere se stesso. E dove andrebbe a finire allora la timidezza che già adesso gli causa non poca sofferenza, specie durante alcune riprese come quelle “hot” condivise con la partner Kristen Stewart (nella parte di Bella Swan), sul set di Breaking Down, dove Robert ha avuto problemi di ansia da prestazione?

Insomma, ma che sta succedendo a questi “poveri” ragazzi? Non va mica bene, qui urge un immediato risollevamento di morale! Avete suggerimenti?