Rihanna fa causa ai suoi commercialisti!



Rihanna sarà anche una delle star incontrastate nel panorama della pop music (e non solo mondiale), ma stavolta ha scelto davvero una bella gatta da pelare. Sembra infatti che nel tempo la cantante abbia perso un “mucchio” di denaro e questo l’ha spinta a citare in giudizio i suoi commercialisti.

Per la precisione, la prestigiosa Berdon LLC, in una folta documentazione presentata lo scorso martedì al Tribunale di Manhattan dagli avvocati della cantante, è accusata di aver fatto perdere alla cantante decine (decine) di milioni di dollari, arricchendosi alle spalle della diva e della sua manifesta incompetenza in fatto di questioni finanziarie.

In base agli avvocati di Rihanna le perdite più pesanti ci sarebbero state nel periodo compreso tra il 2005 ed il 2009 (quinquennio in cui la cantante raggiunse la notorietà mondiale). C’è qualcosa però anche per il “dopo”; altro obiettivo dei legali della cantante è l’accordo che la Berdon LLC ha siglato con Rihanna per il suo tour del 2009 (Last Call on Earth). I commercialisti avrebbero gestito finanziariamente tutto quanto il programma di spettacoli, pretendendo il 22% dei proventi del tour e lasciando a Rihanna solo il 6% di quel che veniva dalla vendita di biglietti. Accordo definito senza mezzi termini “esorbitante ed eccessivo”.

Del resto, Rihanna, si affidò alla Berdon quando aveva appena 16 anni ed era convinta della piena onestà del “consorzio”. Quando nei 5 anni successivi si verificò l’esplosione della ragazzina, diventata una diva mondiale, i commercialisti non l’avrebbero consigliata bene, causandole forti perdite economiche, difficili da stimare ma sicuramente altissime.