Ricky Martin Gay? In Italia non può cantare…



Per la serie “non avevamo proprio niente da fare”. Se non, magari, far fare una bella figura al nostro paese, dall’immagine già luccicante al livello internazionale. Due associazioni cattoliche si sono dette contrarie al concerto di Ricky Martin a Verona. Il motivo è semplicissimo, quasi stucchevole; è gay. L’iniziativa ha ovviamente fatto sì che si mettesse in atto anche una contro manifestazione, pro Ricky Martin. Scendiamo nhel dettaglio, ieri davanti l’Arena di Verona, ci sono state due manifestazioni, come detto una pro ed una contro, in coincidenza della seconda tappa italiana del cantante portoricano. Una ventina di integralisti cattolici hanno cercato di mettersi di traverso, contestando il cantante per le sue scelte sessuali e più in generale per il messaggio negativo insito ne l’‘alma sexo tour’. Lo spettacolo, per loro, non si sarebbe dovuto tenere. Un numero simile di persone invece si son messe a protestare per la protesta. Non c’è stato alcuno scontro e Martin ha potuto dare l’avvio al suo concerto in tranquillità, nonostante un anfiteatro non propriamente gremito.
Il comunicato dei contestatori, di cui vi riportiamo parte del testo, iniziava addirittura con una citazione biblica: ” – Non v’ingannate: né i fornicatori, né gli idolatri, né gli adulteri, né gli effeminati, né gli omosessuali, né i ladri, né gli avari, né gli ubriaconi, né gli oltraggiatori, né i rapinatori erediteranno il regno di Dio. (1 Corinzi 6:9-11) – L’Arcigay di Verona ha chiamato a raccolta i sodomiti al concerto di Ricky Martin in Arena il 4 Luglio 2011, attraverso una esplicita e-mail. […] Non sarà un semplice concerto. Si tratterà di una sorta di “gay pride” camuffato da spettacolo musicale per lanciare messaggi in favore del “matrimonio omosex” e della facoltà di adozione di bambini da parte dei gay […] Questa volta, l’Amministrazione Comunale dovrà chiarire una volta per tutte se sta dalla parte dell’unica famiglia, formata da uomo e donna come stabilito dall’ordine naturale voluto da Dio e sancito dal nostro ordinamento, oppure se preferisce che la Verona civile venga scandalizzata da iniziative sovversive dell’ordine morale.”
Un mille e non più mille da qualche parte potevano anche metterlo, ci sta sempre bene.