Omosessualità: esposto contro Silvio Berlusconi

omosessualità

“Meglio essere appassionate di belle ragazze che gay”, questa fu l’affermazione del Premier Silvio Berlusconi che creò non poche polemiche, soprattutto all’interno delle associazioni gay italiane.
E proprio le associazioni oggi, tra cui l’Arcigay, il Comitato di Bioetica, e la rete Presente è Futuro, hano presentato un esposto presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Torino contro Silvio Berlusconi, in virtù delle affermazioni discriminatorie del Premier.
Le associazioni gay hanno cosi commentato la decisione di presentare l’esposto:
la sua affermazione non è una battuta goliardica, ma è stata percepita come lesiva della dignità e libertà di ogni persona.”
E’ stata richiamata nella fattispecie, la sentenza 293 della Corte Costituzionale che afferma che la dignità della persona è un valore costituzionale.
Abbiamo ritenuto di ribadire, con serenità ma fermezza, che attacchi sguaiati ed incivili verso uomini e donne di questo Paese non possono essere tollerati da alcuna persona nell’esercizio della funzione pubblica, tantomeno dal Premier“, queste le parole di Paolo Briziobello di Presente è futuro.
L’esposto contro Silvio Berlusconi è stato sottoscritto da molti uomini e donne di ogni orientamento sessuale.