Melone e anguria: calorie, proprietà e valori nutrizionali

anguria e melone

Tra i frutti estivi più amati dagli italiani ci sono senza dubbio sia l’anguria che il melone. Ma quali sono i loro valori nutritivi? Fanno davvero bene all’organismo? Quanto bisogna mangiarne?

L’anguria viene dalla famiglia delle Cucurbitaceae ed è costituito prevalentemente da acqua (circa il 90%), zuccheri, fruttosio e vitamine A, C, B e B6. Oltre ad un buon rapporto vitaminico il cocomero possiede sali minerali come potassio e magnesio, che rendono l’alimento utile contro la spossatezza. L’anguria è infatti un frutto dissetante, diuretico e disintossicante, indicato per soggetti con ritenzione idrica, ipertensione e cellulite.

Le calorie dell’anguria sono modeste, solo 30 ogni 100 grammi, ed è quindi un buon frutto per chi si trova a fare i conti con la dieta. Il cocomero contiene carotenoidi, sostanze antiossidanti che potenziano il sistema immunitario. Tra queste troviamo il licopene cui ultimamente, insieme alla citrullina, si attribuiscono proprietà simili a quelle del Viagra. Secondo uno studio della Texas A&M University infatti il cocomero contribuirebbe a migliorare le prestazioni sessuali maschili visto che è un vasodilatatore.

Il melone invece, che appartiene alla stessa famiglia dell’anguria, contiene 33 calorie ogni 100 grammi ed è composto per il 92% da acqua, per il 7% da zucchero come fruttosio e glucosio e per l’1% da vitamine. Il melone è inoltre ricco di betacarotene e sali minerali, in special modo il potassio. Le sue proprietà sono molto utili al nostro organismo: è infatti dissetante, rinfrescante e diuretico, uno stimolatore di melania, ha proprietà antiossidanti e funge da regolatore intestinale. Inoltre grazie alla presenza di vitamina B, che contrasta la depressione, regola il sistema nervoso, per la presenza di potassio il melone riesce a prevenire i disturbi della pressione arteriosa ed infine grazie a calcio e fosforo previene l’osteoporosi.