Matrimonio, dura solo 15 anni



Se l’amore dura 3 anni, come vorrebbe farci credere il famoso scrittore francese Frédéric Beigbeder, il matrimonio dura 15 anni… almeno in Italia. Secondo l’Istat, infatti, una coppia su 3 arriva ai ferri corti. La separazione e il divorzio sono purtroppo un trend in crescita. Se poco meno di 20 anni fa per ogni mille matrimoni 158 erano le separazioni e 80 i divorzi, nel 2010 si arriva a 307 separazioni e 182 divorzi.

Tuttavia c’è una nota positiva, anche se la coppia scoppia, infatti, nell’85% dei casi la scelta di separarsi è consensuale. L’età media per quanto riguarda la separazione è di circa 45 anni per i mariti e di 42 per le mogli; mentre nel caso del divorzio è di 47 anni per gli uomini e di 44 anni per le donne.

Come ha spiegato l’Istat: “Questi valori sono in aumento per effetto della posticipazione delle nozze verso età più mature e per l’aumento delle separazioni con almeno uno sposo ultrasessantenne”.

In genere le separazioni sono più numerose al Mezzogiorno, e nel caso in cui entrambi i coniugi abbiano un livello di istruzione basso. Mi sembra di sentire mia nonna: “eh, i matrimonio non sono più quelli di una volta”. Ma siamo proprio sicuri? Non è che prima si restava insieme non tanto per amore, quanto per necessità e per convenzione sociale? Oggi c’è più libertà, è vero anche che spesso sconfina nel libertinaggio, ma almeno, se le cose non vanno, non bisogna restare per forza sotto lo stesso tetto perché la donna non è in grado di provvedere a se stessa e l’uomo è incapace di lavarsi le camice da solo… oddio, per quello mi sa che le cose non sono ancora cambiate!

Matrimonio, dura 15 anniFoto di Shelley Panzarella su Flickr