Maternità? Non è importante secondo Valeria Bruni Tedeschi!


C’è chi la cerca ardentemente e chi invece la rifugge terrorizzata, stiamo parlando della gravidanza e del desiderio di maternità. A dire la sua a tal proposito è intervenuta anche Valeria Bruni Tedeschi, attrice, nonché regista, attualmente impegnata al Festival di Cannes 2013 con Un Chateau En Italie ( Un Castello In Italia).

Secondo la sorella della premiere dame Carlà non è necessario essere madri per sentirsi realizzate in quanto donne e detesta tutti quei giornali femminili che dicono il contrario. Nel suo film, invece, la protagonista, Louise, una donna nobile e sola, desidera avere un figlio a tutti costi come se fosse l’antidoto per un vita meno triste. Come ha spiegato la Bruni Tedeschi: Per lei il fatto di avere un figlio, è come una specie di risposta all’angoscia della morte del fratello, l’invidia dell’infanzia si risveglia con l’avvicinarsi della morte, ma è anche un modo per legittimare la sua storia d’amore, così fragile, di renderla reale”.

Nella vita reale Valeria Bruni Tedeschi ha adottato 4 anni fa una bambina senegalese, la piccola Celine, con l’allora compagno Louis Garrel (19 anni più giovane di lei), noto attore francese a cui è rimasta legata dal 2007 al 2012. Una curiosità, nel film recita anche la mamma Maria Borini, che come ha raccontato la stessa attrice, non ha dovuto convincere, non voleva che qualcun altro interpretasse quel ruolo.

A proposito della maternità sono solo in parte d’accordo con la Bruni Tedeschi, la nascita di un bimbo è l’evoluzione naturale di una coppia che si ama e del resto il fatto che lei abbia voluto adottare una bambina lo dimostra. E vo, cosa ne pensate?

 

Maternità? Non è importante secondo Valeria Bruni Tedeschi!