Luciana Littizzetto: regole di seduzione e verginità



Torna sui grandi schermi italiani Luciana Littizzetto, nel film E’ Nata Una Star che promette di divertire moltissimo il pubblico. L’attrice ha svelato alcune sue armi di seduzione parlando al settimanale Oggi. Ad esempio per lei lo spogliarello non è una soluzione intelligente, dal momento che a suo dire lei è sexy anche con una maglietta. E poi un ricordo di quello che fu il suo primo bacio, a 14 anni. Il problema è che non sapeva proprio dove mettere la lingua.

Nel film in uscita Luciana è la moglie di Rocco Papaleo e la madre di Pietro Castellitto (figlio del più famoso Sergio). Una coppia di genitori che scopre che il proprio figlio non solo ha qualcosa di non comune tra le gambe ma la usa anche per girare film porno a ripetizione. Cosa curiosa, il padre, forse sentendo il confronto, non se ne fa una ragione. La madre, bene o male, capisce che con le dovute accortezze, non è certo una tragedia.

Non mancano le solite puntate sarcastiche verso personaggi molto noti, come ad esempio Dita Von Teese e le sue tecniche di seduzione: “Ho visto i video in cui spiega come allungare i collant in modo erotico prima di infilarli, se lo facessi io il mio compagno Davide mi chiederebbe subito: ‘Sei cretina o ti stai esercitando a usare i collant come fionda per il tiro al piccione?’”.

Un ulteriore passo indietro nel corso dell’intervista è stato fatto raccontando del suo primo fidanzato e la sua prima volta. Le prime esperienze fisiche le ebbe con compagni del conservatorio, ma a 17 anni si fidanzò con un ragazzo della parrocchia. Per Luciana in fondo la verginità è sempre stata un valore; non dal punto di vista tradizionale però. Semplicemente si sta meglio in intimità se si conosce un pò l’altro.