Legge Anti Burqua: i primi si in commissione



Sulla scia di analoghi e molto discussi provvedimenti francesi e belgi anche l’Italia si sta per dotare di una legge che vieterà di indossare il burqua. A questo proposito la Commissione agli Affari Costituzionali della Camera, dopo aver valutato gli emendamenti, ha dato il via libera alla legge che vieta burqa e niqab. Considerando la lunga ed un pò inopinata chiusura cui saranno soggette le camere da qui a metà settembre, il provvedimento potrà essere esaminato solo a partire dall’inizio dell’autunno.
A proporre la legge è stata una donna araba, di nome Souad Sbai, che ha fatto del divieto del velo integrale una sua personale battaglia per la libertà femminile; a questo proposito ha detto: “Il fatto che la legge la proponga in Italia una donna araba che da anni combatte, assieme a tante altre, nei tribunali per la difesa delle donne dovrebbe far riflettere qualcuno sulla sua posizione falsamente multiculturale e sulla sua insostenibile concezione dei diritti di libertà, dalla quale, ringraziando il cielo, non abbiamo mai avuto nulla da imparare. Andiamo avanti e la storia ci darà ancora una volta ragione, come sulla legge contro l’infibulazione”.
In realtà in Italia una legge che proibisce di coprirsi il volto già esiste ed è la 152 del 1975. Il nuovo testo intende modificare ad hoc alcuni articoli come il divieto di “celare o travisare il volto anche con indumenti di origine etnica o culturale” proprio come il burqa o il niqab. Sono quindi previste anche più severe per chi costringe le donne ad indossare il velo integrale con sanzioni che vanno dal carcere, all’espulsione fino alla mancata concessione della cittadinanza.