Le aziende al femminile sono in aumento

Se è vero che nel nostro Paese, come nel resto del mondo, la crisi ha stretto la società in una morsa che sembra non avere fine, è altrettanto vero che esistono delle realtà in crescita che non possono essere ignorate.

A cosa ci riferiamo? Semplice, oggi si parla di donne ed in particolare di quello che è ormai diventato uno dei trend più interessanti degli ultimi tempi: l’imprenditoria femminile.

Ebbene si, in crescita in questo ultimo trimestre, le aziende al femminile tendono ad aumentare in fatto di numero e fatturato con una curva che va in controtendenza rispetto invece alla situazione economica odierna.

Segno che la capacità femminile di trovare soluzioni ad un momento cosi complicato, è oltremodo sviluppata. In sostanza una donna, di fronte alla possibilità della disoccupazione, decide di armarsi di pazienza e volontà e si mette in proprio, seguendo naturalmente le proprie attitudini e predisposizioni.

Per confermare questo dato, possiamo prendere a prestito un interessante rapporto dell’Osservatorio sulle imprese femminili toscane. Nel secondo trimestre del 2012, le donne che hanno optato per un’impresa sono aumentate, andando ad alzare l’asticella del positivo fino a 621 aziende in più rispetto allo scorso anno.

Il dato è decisamente interessante, come interessante è vedere in quali settori operano maggiormente le donne. Il rapporto ci da infatti modo di comprendere quali siano i trend verso i quali si rivolgono le “donne moderne”. Tra le aree di competenza e di interesse troviamo il settore del commercio e del turismo in prevalenza, ma anche attività di informazione e comunicazione, senza tralasciare le attività di promozione e assistenza sociale, cosi come quelle dell’intrattenimento.

Insomma, le donne ormai spaziano in tutto il mondo lavorativo, andando ad abbattere definitivamente quella cesura che da sempre è esistita nel rapporto uomo/donna.

Per quanto riguarda invece l’età tipica di una donna “in carriera”, è molto spesso under 35, le imprese al femminile sono infatti relativamente più giovani rispetto a quelle dei colleghi maschietti. E anche questo è un bel punto a nostro favore, segno infatti che i tempi che si percorrono sono finalmente cambiati! Evviva l’impresa in rosa!