La contraccezione a portata di tutte: pillola, ma non solo

Negli ultimi anni la contraccezione ha fatto passi da gigante: dalla semplice pillola anticoncezionale di prima generazione si è passati a una scelta vastissima di contraccettivi ormonali. La pillola, innanzitutto, usata da oltre 100 milioni di donne nel mondo. Le offerte di contraccettivi orali si sono moltiplicate in pochi anni: tra pillole di ultima generazione, pillole naturali e pillole “piuma”, questo anticoncezionale può ormai soddisfare le esigenze di ogni donna. E per le donne intolleranti agli estrogeni, oppure quelle in fase di allattamento, o fumatrici, che soffrono di dolori mestruali o che hanno più di 35 anni, sono nate le minipillole, ovvero pillole a base di solo progestinico, come Cerazette.

L’universo delle pillole basterebbe da solo a coprire le molte necessità diverse delle donne che vogliono ricorrere alla contraccezione ormonale. Anche per quanto riguarda i vantaggi della pillola anticoncezionale, a pillole diverse corrispondono effetti benefici differenti per le donne: se alcune pillole, come Fedra, sono indicate anche per ridurre l’acne e i peli superflui, altre, come Yasmin, hanno il vantaggio di non provocare aumento di peso o ritenzione idrica e altre ancora, come ad esempio Zoely e Klaira, di contenere ormoni identici a quelli prodotti naturalmente dall’organismo, e quindi sono chiamate pillole “bio”.

Oltre alle pillole, altri anticoncezionali ormonali che stanno avendo sempre più successo tra le donne sono il cerotto e l’anello. Entrambi presentano il grande vantaggio di non dover essere assunti quotidianamente, quindi riducono il rischio di dimenticanze al minimo, pur assicurando la stessa efficacia contraccettiva della pillola. Il cerotto transdermico va applicato una volta a settimana, mentre l’anello anticoncezionale semplicemente una al mese. Entrambi contengono bassi dosaggi di ormoni e sono già utilizzati da milioni di donne nel mondo, anche se, essendo di più recente invenzione, non da tante quante quelle che assumono la pillola.

Per le donne che non possono assumere estrogeni o progestinici, rimangono invece i metodi anticoncezionali meccanici, come ad esempio la spirale intrauterina. Tuttavia, l’introduzione dei contraccettivi ormonali cosiddetti a “basso” o “bassissimo” dosaggio e la possibilità di somministrare gli estroprogestinici attraverso nuove vie, come con il cerotto e l’anello, hanno reso la contraccezione ormonale il metodo anticoncezionale più diffuso ed efficace attualmente disponibile.

Per finire, è bene ricordare che, tra tutti i diversi metodi anticoncezionali, il preservativo è l’unico che protegge dalle malattie a trasmissione sessuale, quindi il suo uso è raccomandato anche per le donne che assumono la pillola o usano altri anticoncezionali ormonali, soprattutto in caso di rapporti occasionali o con partner diversi.