Kasia Smutniak : intervista a cuore aperto



Kasia Smutniak si racconta alla rivista Vanity Fair; dall’amore nuovo per il compagno Domenico Procacci, per la figlia avuta con il compianto Pietro Taricone che resta sempre, tutt’ora nei suoi pensieri.

Alla domanda se si trova in difficoltà o non le piace parlare del suo attuale compagno risponde “Mi dispiace che si facciano delle semplificazioni, che si tirino conclusioni, che si voglia vedere sempre e a tutti i costi l’happy end. Ci sono già passata. Di me, due mesi dopo la morte di Pietro, si diceva: “Adesso sta bene”, solo perché mi avevano fatto una foto in cui tiravo un sorriso. E poi la gente, che non ti conosce, giudica. Per tante persone che, quando Pietro è morto, mi hanno scritto lettere bellissime e piene d’amore, raccontandomi le loro sofferenze, condividendole con me, ce ne sono state anche altre che mi hanno avvicinato e detto cose brutte. Io devo proteggermi – me, Domenico, mia figlia, la famiglia di Pietro che è la mia famiglia – da queste persone che pensano che la vita sia qualcosa di non vero, un telefilm. Siccome mi vedono al cinema o sui giornali, forse pensano che io sia finta, che viva in un mondo magico in cui, se il cane fa la cacca per terra, io non pulisco. Perché se invece sapessero che sono vera, nessuno potrebbe scrivere che io, a due mesi dalla morte del mio compagno, rido e sto bene».

Già, facile arrivare a conclusioni affrettate, come spesso accade. Parlare di Pietro, o amare qualcuno che non sia lui, per Kasia resta una questione personale, anche se “È un lavoro quotidiano. Tenere insieme il ricordo e l’amore di chi c’era con quello per chi c’è. Certi giorni viene meglio, certi giorni è più difficile. Rimane tutto del passato, ma la vita apre spiragli in cui le cose entrano e ti danno la forza di andare avanti. Non è un lavoro solo mio, ma anche di Domenico e di Sophie. È un grande sforzo che ha i suoi lati difficili e anche quelli belli, naturalmente. È un flusso, non un lieto fine”.

Parlando di lavoro invece, Kasia è stata scelta come testimonial della campagna Autunno – Inverno 2012 – 2013 della casa italiana di calzature Janet&Janet. In rete sono già disponibili i numerosi scatti fotografici del backstage. Inoltre, prossimamente sarà la madrina del Festival del Cinema di Venezia, nonché protagonista dello short movie “Janet Goes West” che verrà lanciato il 15 settembre.