Indennità di maternità, cos’è e come funziona

Gravidanza1-638x425

Come è risaputo, esiste uno strumento molto utile alle mamme lavoratrici. Si chiama ‘indennità di maternità’ ed è un aiuto economico che viene riconosciuto a quelle donne che, nei primi mesi di vita del proprio figlio, sono costrette a prendersi una pausa dal lavoro. Un’indennità che quindi, a rigor di logica, dovrebbe arrivare nelle tasche nel periodo in cui ce n’è maggior bisogno: quei primi mesi per l’appunto, in cui si è costretti a rinunciare allo stipendio. Ma non è sempre così. La storia che arriva da un paesino della provincia di Verona, ha dell’incredibile. Qui una mamma si è vista si riconoscere l’indennità di maternità, ma con un ‘ritardo’ di ben 19 anni rispetto a quando le sarebbe stata dovuta. Il figlio in pratica, è in procinto di prendere la maturità e lei, dopo quasi 20 anni, si è vista recapitare i soldi con i quali, 20 anni prima, avrebbe potuto comprare pannolini, latte in polvere e pappine a cuore molto più leggero. Quando insomma, le sarebbero stati davvero di aiuto, così come la legge fra l’altro riconosce… Ma come può essere accaduto? Qual è la causa di questo enorme ritardo…? La risposta è molto semplice ed è racchiusa in una sola parola: burocrazia. In Italia ormai ci siamo rassegnati nell’avere una burocrazia alquanto lenta ma, nel caso della mamma in questione, questa lentezza ha provocato non pochi problemi perché, accanto alla difficoltà economica, ha dovuto anche affrontare spese corpose per ulteriori trafile burocratiche che le facessero riconoscere nei tempi l’indennità di maternità. Un cane che si morde la coda, insomma. Ma ora, dopo l’ennesima beffa, la mamma di Verona ha deciso di proseguire la sua battaglia e dichiara: ”all’epoca quei soldi mi avrebbero fatto molto comodo per crescere mio figlio invece dovemmo tirare avanti con uno stipendio solo. Adesso ho fatto causa allo Stato per l’eccessiva durata del processo”.