In vacanza con i bambini? Ecco come fare!



Qual’è il modo corretto di comportarsi in vacanza se si portano bambini? Meglio tenere salde le regole di casa o fare qualche concessione? A rispondere, sulle pagine online di primapaginamolise.com è Cristina Malvini, fondatrice e coordinatrice pedagogica degli asili nido Il Pianeta dei Bambini, con un’esperienza trentennale nel settore.

Secondo la dottoressa quando si è in vacanza è giusto allentare un pò i freni e consentire ai piccoli di fare qualche strappo alla regola. Le vacanze del resto sono viste proprio in questo modo. Anche per gli adulti quelli sono giorni “speciali”, che servono proprio a spezzare la routine del resto dell’anno. Ci si alza tardi, si mangia ad orari differenti…. e per i bambini vale lo stesso. Anche i piccoli risentono di un certo stress derivante dalla quotidianità ed in vacanza è bene evitare frasi come “sbrigati!” tipiche in tutto il resto dell’anno. Insomma, fare con calma.

In vacanza serve tempo per se stessi, per giocare, leggere qualcosa in più e farsi anche le coccole. L’orologio dovrebbe avere scarsa importanza. Se un bambino fa il bagno alle 11 e deve mangiare a mezzogiorno non è necessario farlo “schizzare” fuori dall’acqua per farlo mangiare in orario. Un pò di ritardo non cambia nulla. E la libertà concessa in vacanza non ha effetti deleteri al momento del rientro, visto che i bambini capiscono perfettamente che sono eccezioni legate ad un contesto particolare.

Non conta neanche granchè la scelta del posto, sia esso mare, montagna o lago. La vacanza, per i piccoli, è comunque un cambiamento. Quel che veramente conta è la serenità familiare, l’evitare lo stress e possibilmente i rimproveri. In più le vacanze sono anche un momento di scoperta e crescita; è quindi possibile affidare ai piccoli delle commissioni o dei compiti precisi nella gestione familiare, facendoli sentire “importanti”.