Il mondo delle donne: parla l’Onu



E’ stato pubblicato direttamente dall’Onu il secondo rapporto The World’s Women 2010, presentato in occasione della giornata mondiale della statistica. Il rapporto mette in evidenza qualcosa che in fondo già conoscevamo: la grande disparità tra i sessi nella cura della casa.
L’Onu rimprovera dunque agli uomini di non aiutare le donne nelle faccende domestiche e i risultati del rapporto posizionano l’Italia agli ultimi posti della speciale classifica, assieme a Giappone e Portogallo.

The World’s Women 2010 non è solo questo. Il documento analizza infatti a tutto tondo la condizione femminile nel mondo ogni cinque anni. In queste 255 pagine però, quest’anno ci sono almeno due buone notizia: le donne italiane risultano le più longeve e iniziano ad aumentare la loro presenza nei vertici aziendali.
Quindi si può dedurre che la qualità della vita delle donne sia notevolmente migliorata da quella Conferenza di Pechino del 1995 in cui la situazione era ben più drammatica.
Rispetto alle donne, gli uomini sono 57 milioni in più, in Europa è maggiore la presenza femminile.
Di cosa si ammalano le donne? Due sono le cause, obesità e diabete. Secondo il rapporto è aumentata la percentuale di ragazze in sovrappeso negli Stati arabi, paese che mostra un alto livello di sedentarismo e poco stimolo allo sport.
Sotto il profilo dell’istruzione, la disparità uomo /donna è decisamente diminuita e sotto quello del lavoro, dal 1990 ad oggi è considerevolmente aumentato il numero di donne che lavorano.
Prooblema invece senza soluzione è quello che riguarda la violenza sulle donne. Gli abusi sono all’ordine del giorno e sono sia di natura fisica che psicologica, o economica.
Il 60% delle donne ha dichiarato di essere stata aggredita almeno una volta bella vita. In Italia le donne che hanno denunciato abusi costituiscono il 18%.