Google Plus Inviti: il social apre le porte

Google-Apps

Google non ci sta! E allo strapotere che Facebook, il social network più famoso, frequentato e seguito al mondo, ha costruito nel giro di pochissimi anni, decide di rispondere con un prodotto tutto suo: Google Plus. A dire il vero, il social di Google esisteva già da qualche tempo solo che, per sue funzionalità intrinseche non del tutto apprezzate dagli utenti, veniva di rado scelto come maniera per tenere contatti di lavoro e di amicizia. Infatti, Google Plus era nato principalmente come ‘social networking’, era cioè aperto perlopiù ai professionisti che operano nel campo delle nuove tecnologie e ai giornalisti. E questo già restringeva di molto la cerchia dei possibili utenti desiderosi di iscriversi. In più, l’accesso a Google plus era regolato esclusivamente dal sistema ad inviti che, se da una parte hanno permesso al social di collezionare in pochissimo tempo i 10 milioni di utenti iscritti, dall’altra perdeva appeal nei confronti dei cosiddetti ‘indecisi’.

Ora invece, Google plus ci riprova e lo fa alla grande: innanzitutto, apre l’accesso a tutti gli utenti senza bisogno di invito (se qualcuno ha solo voglia di provare, è giusto che possa farlo in maniera libera), poi introduce una serie di funzionalità sulle quali anche Facebook si è dovuto sintonizzare, copiandole. Come ad esempio dare agli utenti uno strumento con il quale si possono effettuare video chattate e il sistema di ‘cherchie’, ovvero una sorta di organizzazione dei propri contatti e dei propri amici, così da rendere ancora più ordinata la nostra attività su Google Plus. Insomma, un re-ingresso in grande stile, da parte di Google!