Giornata della memoria: per non dimenticare le vittime del nazismo



Oggi, 27 gennaio 2011, siamo “costretti” a ricordare una parte di storia tanto amara che ogni volta ci porta a riflettere e a chiederci come sia stato possibile che un popolo, quello ebraico, abbia subìto uno sterminio così violento.
Questa giornata serve per ricordare tutte quelle vite infrante; serve per riflettere
su un passato che ha causato lo sterminio di un popolo e che ha generato un’onda di terrore e violenza che tutt’oggi rimbomba anche nel presente.
La giornata della memoria è stata istituita per ricordare le vittime del nazismo, in particolar modo gli ebrei e gli stranieri deportati che furono protagonisti del più tragico periodo della storia dove l’Italia e gran parte dell’Europa conobbe la miseria e la distruzione.
L’impegno che viene chiesto ad ogni individuo è quello di fare tesoro degli aventi passati e di riflettere sulla storia, cercando uno spazio nella coscienza per affrontare il presente.