Giocattoli per bambini, come sceglierli in base all'età

Il bambino nei suoi primi anni di vita si trova nel momento in cui la sua mente è più capace di apprendere e gli oggetti che lo circondano acquisiscono un’importanza molto rilevante per aiutarli nel processo di apprendimento dei primi rudimenti della vita. Per questo i classici giocattoli di una volta sono quelli più adatti per stimolare la fantasia e l’entusiasmo dei piccoli di casa, col mercato dei prodotti per bambini che continua a proporre giocattoli come bambole, palloni e pupazzi che non passano mai di moda e continuano ad avere un ruolo rilevante nell’aiutare il bambino ad arricchire la sua mente.

Il mercato web offre un’importante soluzione per l’acquisto dei giocattoli per il proprio bambino, con l’opportunità di trovare prezzi vantaggiosi nei portali specializzati nella vendita di prodotti per bimbi, prestando però molta attenzione ai siti verso i quali ci si rivolge per evitare di incappare in qualche venditore di prodotti non omologati in vendita ad un prezzo convenientissimo ma potenzialmente dannosi per la salute e l’incolumità del proprio figlio.

Per la scelta del giocattolo giusto bisogna tener conto del fatto che la mente del bambino nei primi anni si sviluppa molto velocemente, rendendo necessario dividere i giocattoli adatti per fasce di età in modo che siano sempre adatti durante la crescita del piccolo. Prendiamo spunto dalla suddivisione per fasce d’età proposta dal sito www.bimbomarket.it/giochi-C39.htm per fare una categorizzazione dei giochi più adatti per ogni bambino.

Giocattoli fino a 6 mesi

Nei primi mesi di vita del bambino la stimolazione sensoriale deve essere maggiormente sollecitata e quindi sono indicati giochi musicali con filastrocche ritmate che coinvolgano il piccolo che impara a cullarsi seguendo il ritmo della musica, sviluppando il senso dell’equilibrio e della coordinazione in vista del gattonamento, oppure sonagli che facciano intuire al bambino come produrre il suono col movimento dell’oggetto.

Giocattoli dai 6 ai 18 mesi

Il bimbo ha già imparato a produrre il rumore col movimento giocando interattivamente con i suoi oggetti. In questo momento sono più indicati giocattoli con ruote tipo carrellini o trenini che possano muoversi per conto loro una volta lanciati o spinti dal bambino. La mente è già più sviluppata e il bimbo sarà in grado di giocare con puzzle giganti e costruzioni in legno che sarà in grado di risolvere con destrezza.

Giocattoli dai 18 ai 36 mesi

I bambini hanno imparato i movimenti dei genitori. Con un bambolotto sono in grado di simulare il trattamento ricevuto dalla mamma o dal papà e hanno sviluppato una mente in grado di catalogare gli oggetti per somiglianza o per sequenza logica, trovando il modo di giocare con gli oggetti presenti in casa, pertanto sarà importante non lasciare a portata di mano oggetti che possano risultare pericolosi.

Una volta superata questa età i bimbi diventeranno degli ometti e la socializzazione, nell’asilo prima e nella scuola poi, completerà il processo di apprendimento che i giocattoli hanno avuto nei primi mesi della loro vita, senza che questi debbano mancare anche negli anni successivi, quando saranno in grado di scegliere da soli quali giochi utilizzare per divertirsi al meglio.