Fumare Fa Male ed accelera la menopausa, scoprite perché!

200871011232_pan

Che fumare non fosse salutare lo sapevamo già da tempo, ma l’Università di Hong Kong, con uno studio molto interessante, ha correlato fumo eccessivo ed accelerazione della menopausa nei soggetti femminili. Fumare, infatti, intaccherebbe la produzione di estrogeni e non solo; pare che alcune sostanze, contenute nelle sigarette, possano distruggere gli ovuli femminili. Gli esperti avrebbero stimato che fumare anticipa di un anno l’entrata in menopausa della donna. Dunque, non solo il fumo è probabilmente causa di tumori ai polmoni, patologie ossee e cardiache. La fertilità femminile potrebbe venir seriamente compromessa da quelle sigarette che troppo spesso sono considerate dalle stesse donne una valvola di sfogo dai drammi quotidiani oppure, più semplicemente, un momento di piacere. Sì, ma a quale prezzo?

Lo studio ha preso in considerazione 6.000 soggetti femminili, provenienti da vari paesi, quali Polonia, Stati Uniti, Russia ed Iran. Le donne non fumatrici vanno in menopausa, in media, tra i 46 ed i 51 anni; mentre le donne che assumono nicotina sembrano andare in menopausa molto prima: tra i 43 ed i 50 anni! Su 43.000 donne, le fumatrici avrebbero il 43% di probabilità in più di incorrere in una menopausa precoce! Oltre al problema, ovviamente, di un’impossibilità di avere figli quando ancora una donna ha un istinto materno molto sviluppato ed ha tutte le capacità per portare avanti una gravidanza con successo, i rischi collegati alla menopausa sono ben altri: osteoporosi, malattie cardiovascolari, obesità, diabete mellito ed altre patologie da non sottovalutare!

Il fumo potrebbe, dunque, anticipare l’impossibilità di procreare e tutti i fastidi associati alla menopausa, come le terribili vampate di calore ed una spiccata irritabilità. Pare che le sigarette possano diminuire la produzione di estrogeni ed alcune sostanze in esse contenute, inoltre, potrebbero addirittura neutralizzare gli ovuli. Lo studio, tuttavia, è solo un primo e basilare passo per stabilire le connessioni profonde tra fumo e menopausa femminile. Non si ha contezza, infatti, del numero di sigarette effettivamente fumate dalle donne oggetto di studio come, allo stesso modo, non si hanno notizie ulteriori sul loro stile di vita. Ulteriori approfondimenti in fase di analisi, no? In ogni caso, la fertilità è uno dei motivi di maggior vanto per una donna, ma non è l’unico fattore che ci rende tali. Per tale ragione, bisognerebbe smettere di fumare, in primis, per le patologie che studi approfonditi hanno già correlato abbondantemente al vizio del fumo e che, certamente, sono gravi e non da sottovalutare. Certo, le vampate di calore in anticipo, però, non le vorrebbe nessuna donna…