Federica Mangiapelo, il fidanzato indagato per omissione di soccorso

federica_mangiapelo6-288x300

La notte di Halloween del 2012, trascorsa solo da pochi giorni, è stata scenario di un terribile delitto. Un macabro fatto di cronaca che ha scosso profondamente tutti gli italiani. Federica Mangiapelo, una ragazza di soli 16 anni, è stata trovata priva di vita lungo le rive del lago di Bracciano, proprio la notte di Halloween.

 

La ragazza, al momento del suo ritrovamento, si trovava stesa sulle rive del lago, con la testa praticamente in acqua. A scoprire il suo cadavere, un ciclista che passava da quelle parti, la mattina dopo. Fino ad ora, restano abbastanza misteriose le circostanze che hanno portato alla tragica morte di Federica, ma gli inquirenti stanno lavorando alacremente per tentare di ricostruire le ultime ore di vita della vittima: cosa ha fatto, chi ha visto, etc. Ora, una notizia diffusa proprio ieri, potrebbe rappresentare una delle probabili piste da seguire. Nel libro degli indagati infatti, è stato iscritto il fidanzato di Federica, il 23enne Marco Di Mauro.

 

Ai carabinieri, il suo racconto di quella sera è risultato non privo di rilevanti incongruenze, avvalorate da alcune riprese video di telecamere poste per strada. Così, è scattato immediatamente il sequestro del cellulare, dell’auto e degli abiti di Di Mauro. Fino ad ora però, non si tratta di veri e propri capi di accuso sul giovane, ma di ipotesi che, alla luce delle incongruenze nelle sue dichiarazioni, pongono il fidanzato di Federica tra gli indagati. Intanto, non avendo rilevato sul corpo della vittima segni di violenza, le ipotesi si concentrano sugli esami istologici e tossicologici, i cui risultati dovrebbero essere presto disponibili e che potrebbero –forse- fare un po’ più di luce su questo tragico fatto di cronaca.