Emergenza Terremoto? Meglio aumentare la benzina che cancellare una parata!



Il Consiglio dei Ministri, in mattinata, ha varato i provvedimenti per fronteggiare la grave emergenza che ha colpito duramente la popolazione emiliana. Cos’ha varato? Sgravi fiscali, rinvii dei versamenti a settembre, ma, soprattutto, un aumento di 2 centesimi sulle accise della benzina che si va a sommare all’aumento che il governo Monti varò per fronteggiare la crisi economica. Risultato? Fare il pieno è un salasso! E’ giusto che l’Italia tutta guardi all’Emilia, al suo dramma, che si tiri su le maniche per aiutare chi ha perso tutto e che, dunque, destini dei fondi, per quel che può, ai connazionali più sfortunati, tuttavia questo provvedimento stride pesantemente con la decisione di non cancellare la parata del 2 giugno, considerata, ormai, dalla rete un inutile spreco di denaro che potrebbe essere impiegato per destinare fondi alla popolazione terremotata! Ok, celebrare la Repubblica è importante, è nostro dovere mostrarci uniti, forti e fedeli allo Stato, ma, con 24 morti totali a causa di un sisma che non sembra cessare e ben 14.000 persone costrette ad abbandonare i luoghi di nascita e le amate case, sembra solo un magniloquente e triste sfoggio di ricchezza!

Dedicare la Parata ai terremotati? Penso che quelle persone vorrebbero aiuti concreti più che parole. In Italia si parla troppo e si fa molto poco. Tra l’altro questa popolazione ha perso tutto perciò dubito che possa recarsi nei luoghi dell’evento o che, addirittura, che possa visionarla in tv, visto che una tv più non ce l’ha!

L’aumento delle accise sulla benzina è un provvedimento preso già altre volte, a seguito di emergenze sismiche come nel 76, quando le accise vennero aumentate di 99 lire, in seguito al grave sisma del Friuli o quando ci fu il terribile terremoto dell’Irpinia, con un rincaro di 75 lire. Ma il problema non è chiedere agli italiani uno sforzo di solidarietà. L’Italia è terra di cuori grandi. Il problema è pensare sempre che intascare soldi dai cittadini sia più semplice che cancellare inutili manifestazioni…