Donne che uccidono i figli: altro caso in Florida



Arriva dalla Florida una notizia sconvolgente che stavolta non fa onore di certo a noi donne, o alle mamme di tutto il mondo.
Una donna avrebbe infatti ucciso il figlio neonato, scuotendolo violentemente. La colpa del piccolo? Disturbare la giovane mamma intenta a giocare su Facebook.
Lei è Alexandra Tobias, ventenne che ora rischia fino a 25 anni di carcere.
Si è trattato di uno scatto d’ira, sostiene la giovane che al momento si trova in carcere in attesa di nuove istruzioni.
Il fatto si sarebbe consumato in pochi attimi, è bastato un pianto dirotto per far scattare la rabbia della ragazza, intenta a giocare a FarmVille, popolare gioco del social network più famoso del mondo, Facebook.
E’ bastato scuotere il piccolo più del dovuto per causarne immediatamente la morte.
Ora, si aprono i soliti inquietanti scenari e interrogativi sulla fragilità di alcune donne in maternità, sulle influenze negative che ha molto spesso internet sulle persone e chi più ne ha più ne metta.

Si potebbe parlare di questi argomenti fino a non poterne più, ma ciò che resta è la morte di un neonato che di fronte alle nostre argomentazioni sterili, ha ben poco interesse.