Divorzio Santoro-Rai:l’opinione di Marco Travaglio e l’invito di Mentana

anno-zero-santoro

Ormai è cosa ufficiale: la Rai e Michele Santoro hanno divorziato consensualmente annullando così la speranza di riportare sul piccolo schermo l’appuntamento settimanale con il programma Annozero, motivo e causa di numerose vicissitudini e polemiche nella sede di Via Mazzini di Roma.

Di certo non è il primo anno che si parla di questa separazione, fatto sta che sino ad oggi in pochi avevano creduto che la Rai avesse davvero il coraggio di rinunciare ad un programma in grado di richiamare un’audience altissima e capace di fare informazione indipendentemente dalle accuse di faziosità della conduzione e degli ospiti fissi.

A prendere la parola riguardo all’accaduto è stato infatti Marco Travaglio, vicedirettore de Il Fatto Quotidiano nonché presenza costante nelle puntate di Annozero. In merito alla separazione Santoro-Rai il giornalista non ha mancato di commentare con la sua solita spontaneità tagliente eppur veritiera: “La Rai ce l’ha fatta: dopo due anni di tentativi, sabotaggi, ricorsi in Corte d’appello, complotti e complottini, finalmente ce l’ha fatta ad affondare la nave ammiraglia della sua flotta.

Nel frattempo però sembra che Enrico Mentana sia prontissimo a prendere sotto la sua ala il collega Santoro per inserirlo nella conduzione di un programma in prima serata su La7.

In questo modo probabilmente coloro che sono convinti che Santoro voglia dire ‘comunisti nella tv pubblica’ si auto-convinceranno ancora di più, quelli che invece amano godere degli approfondimenti sull’attualità, sentendo entrambe le campane, potranno fare uso del telecomando e scegliere liberamente di seguire un programma tanto calunniato quanto abile e degno di essere presente sulle nostre televisioni.

Personalmente avrei rinunciato senza problemi a L’Isola dei Famosi piuttosto che ad Annozero…De gustibus non disputandum est!