Dieta dimagrante delle star: la detox vegana spopola


biteditor.it
biteditor.it
 
 

Cerca
 
 
 
Risultati web
No web results found
Collegamenti Sponsorizzati

Cerca
 
 
 
 
Categorie preferite

Sale sempre di più la percentuale di persone che come ‘regime alimentare’ scelgono la cucina vegetariana, o come la chiama Anna Oxa la Veganic. Cosa vuol dire Veganic? È l’acronimo di Alimentazione Naturale Integrale Consapevole oltre che della parola ‘veg’ derivante per l’appunto dalla dieta vegetariana.

Ma attenzione a chiamarla dieta davanti ad Anna Oxa, per come dice lei il Veganic è uno ‘stile di vita’ : “La mia non è una dieta dimagrante ma una vera e propria educazione alimentare veganic […]Una serie impressionante di patologie e intolleranze gravi dipende direttamente dal disordine alimentare, incluso il cancro. Io ho incontrato sul mio cammino la cultura veganic e ho immediatamente compreso che avere una consapevolezza alimentare porta a capire i segnali del nostro corpo”.

Se infatti guardate Anna Oxa vi renderete conto che è più in forma che mai per la preparazione a questo Festival di Sanremo 2011 e come lei Simona Ventura che grazie a questo tipo di alimentazione è riuscita a perdere 6 kg in 20 giorni (anche lei deve prepararsi per l’8 edizione dell’Isola dei Famosi che partirà a febbraio!).

Inoltre la Oxa rivela una sua giornata alimentare veganic tipo : “La mia prima colazione? Varia e abbondante. Un bel piatto di pasta o riso, lenticchie, ceci e tante buone verdure, crude o cotte e rigorosamente biologiche. Anche germogli e chicchi a fornirmi energia per un buon inizio di giornata. A pranzo, ma anche a cena, amo iniziare con verdure crude o insalate, quindi riso, cous cous, pomodori o patate al forno, legumi e tofu, e infine un bel dolce, in una combinazione equilibrata e mai casuale, variata di volta in volta in base al fabbisogno proteico e quindi anche al tipo di colazione fatta la mattina. Olio extravergine d’oliva, assolutamente a crudo, a condire i miei piatti. Il sale? No grazie! Molto meglio le spezie per esaltare i sapori, i sapori veri che non si è più abituati a percepire. E la frutta? Sì, ma biologica e matura, anche secca, come merenda o spuntino e lontana dai pasti principali o nel caso a sostituire pranzo o cena. Non mi privo di niente e ricevo ogni giorno il giusto apporto energetico.”

Attenzione però sempre a non fare di testa propria, consultate un medico o un nutrizionista prima di intraprendere un percorso alimentare diverso dal solito.