Delitto dell’Olgiata: dopo ventanni arriva il colpevole



Si risolve dopo ventanni uno dei casi più storici della cronaca nera italiana. Il Delitto dell’Olgiata ha infatti finalmente un colpevole e si tratta di Manuel Winston Reves, domestico filippino della contessa Alberica Filo della Torre, assassinata il 10 luglio del 1991.
Il filippino, ora in carcere per l’omicidio ha inizialmente esercitato il diritto della facoltà di non rispondere ma dopo una rapida consultazione con i legali, ha deciso di ammettere l’omicidio della contessa, tra le lacrime.

“Mi volevo togliere un peso che portavo dentro di me da 20 anni: sono stato io ad uccidere la contessa Alberica“.
La confessione è avvenuta di fronte al pm e al tenente colonnello Bruno Bellini
“Ogni volta che sentivo parlare della vicenda mi prendeva l’angoscia. Chiedo scusa al marito, ai figli e a tutti gli italiani” – ha chiosato l’uomo.
Dopo la confessione si è passati naturalmente al vaglio dei moventi. L’uomo ha dichiarato di non aver incontrato la contessa al fine di ucciderla, ma voleva semplicemente essere riassunto spinto dalla necessità di denaro.
Ne è scaturita una lite che è appunto terminata nell’assassinio della donna.
La Procura della Repubblica di Roma chiederà in tutta probabilità il rinvio a giudizio con rito immediato anche se i legali dell’uomo hanno chiesto un rito abbreviato.