Chirugia Estetica: le preferenze delle donne italiane



Le italiane che ricorrono a trattamenti di chirurgia e medicina estetica hanno come modello ideale Belen Rodriguez, mentre, nonostante il mezzo secolo di età, continuano a considerare George Clooney il vero ideale di bellezza maschile.

Belen quindi, un modello per quasi il 36% di coloro che intraprendono la strada della chirurgia per modificare il proprio corpo; dietro la showgirl argentina c’è Carla Bruni, poi Paola Cortellesi ed anche Milly Carlucci. Clooney rimane il massimo per quasi il 60% delle intervistate; per la verità i nomi che seguono l’attore americano sono anche più sorprendenti, dato che al secondo posto c’è il presidente americano Barack Obama, poi Fiorello ed in quarta posizione Christian Vieri, che sebbene non giochi più da tempo continua a rimanere nei cuori delle donne.

Tutto questo è il risultato di un sondaggio condotto il mese scorso dalla società italiana di medicina estetica (SISE) su un campione di 500 pazienti, il 98% delle quali donne. Dati presentati nella giornata di ieri nel corso del 33esimo congresso nazionale della SIME, che durerà fino a domenica 20, a Roma. Tra le altre cose è stato rilevato un progressivo abbassamento dell’età in cui le donne decidono di recarsi dallo specialista; due donne su tre ci sono andate per la prima volta tra i 30 ed i 50 anni, mentre una su cinque l’ha fatto prima dei 30 anni. Il dato sulle minorenni (una su quaranta) per quanto basso non è da sottovalutare anche perchè moltissime iniziano da subito a cercare consigli specialistici per prevenire le rughe.

I trattamenti più richiesti sono per il 45,3% la tossina botulinica e i filler, per il 36,4% la biostimolazione con le “punturine” e per il 31,1% i peeling. Il 19,2% chiede invece trattamenti mesoterapici. Si tratta di uno dei pochi settori dell’economia nazionale non toccati dalla crisi e sempre secondo il sondaggio le italiane sono ancora disposte a spendere cifre considerevoli per le cure estetiche.