Centovetrine: chiude dopo undici anni?



Centovetrine: pare proprio che la candelina numero undici coincida con la chiusura. Il prossimo 6 dicembre, infatti, la soap italiana festeggerà la puntata 2.500 e gli undici anni di messa in onda. Ma, in realtà, ci sarebbe poco da festeggiare: stando alle indiscrezioni, infatti, Mediaset non sarebbe intenzionata a finanziare la tredicesima serie.
 
La notizia ha creato non poco caos tra i lavoratori. Le riprese vengono fatte a San Giusto Canavese, in provincia di Torino, presso il centro di produzione Telecittà. Questo centro esisteva già prima di Centovetrine, ma, dalla registrazione della soap in poi, si è notevolmente ampliato: i teatri da due sono diventati otto e da un albergo, adesso ce ne sono due.
 
Dunque, grazie a Centovetrine, San Giusto Canavese ha visto anche una crescita industriale e delle maestranze, dando vita ad un succedersi di numerose produzioni di fiction e di film. Fino ad oggi, la soap ha assicurato continuità occupazionale a tantissimi lavoratori, attualmente preoccupati dalle voci messi in giro dalla stampa locale. I posti di lavoro assicurati fin’ora sono quasi trecento; molti di più se si considerano anche i professionisti e l’indotto.
 
I motivi di questa presunta decisione Mediaset non sono ancora chiari. Infatti, nonostante i cambiamenti nel panorama tv, dovuti al passaggio dal terrestre al digitale, Centovetrine garantisce ancora uno share del 20 per cento circa, con quasi 3.500.000 telespettatori. Numeri di tutto rispetto dunque. Quello che si spera – seppur con motivazioni differenti – è comune, sia per i telespettatori che per i lavoratori: che la soap italiana possa proseguire ancora per molte serie.