Capodanno Cinese: le celebrazioni a Roma

Advent of Year of Dragon

C’è un capodanno che non è affatto passato da poco tempo, anzi non è neanche iniziato. Se non ci credete andate a Roma oggi, sabato 14 gennaio. Nella famosa Piazza del Popolo vedrete i festeggiamenti di coloro che si preparano ad accogliere il nuovo Anno del Drago.

E’ il capodanno della comunità cinese se non lo sapete, che quest’anno ha organizzato un congruo numero di eventi di ritrovo ed intrattenimento, nella speranza di raccogliere la partecipazione anche di persone non facenti parte della comunità stessa.

Tutto iniziterà alle ore 14, partendo da via del Corso, con un grande corteo di carattere folkloristico che si dirigerà in avanti procedendo tra danze, acrobazie, arti marziali e canti tradizionali. Ad aprire il corteo due spettacolari e lunghissimi draghi. Mezzora dopo inizierà lo spettacolo anche a Piazza del Popolo con la partecipazione dell’orchestra della Polizia municipale di Roma. E alle 14:40 l’ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese, Ding Wei, assieme al sindaco Gianni Alemanno ed altre autorità presenti effettueranno un interessante ed affascinante rituale di apertura dei festeggiamenti, dipingendo di rosso gli occhi del Drago.

A partire dalle 15 il direttore dell’Istituto Confucio di Roma, Federico Wen presenterà varie esibizioni artistiche, in un susseguirsi di esibizioni che dureranno fino alle 18; prenderanno parte anche la Compagnia popolare di acrobazie del Zhejiang, i ballerini della Compagnia folkloristica della città di Jiazhou, la famosa compagnia dei giovanissimi artisti di Shanghai e gruppi di studenti universitari di danza, canto delle minoranze etniche, arti marziali e moda. Ogni ora verrà estratto un numero di una particolare lotteria preposta per l’occasione che mette a disposizione oltre a corsi di discipline orientali anche la possibilità di vincere un viaggio in terra cinese.

Tutto si chiuderà alle 18:15, dalla terrazza del Pincio, dalla quale prenderà vita un grande spettacolo di fuochi d’artificio degno della migliore tradizione cinese, che chiuderà il nutrito appuntamento con le celebrazioni. L’augurio da fare, se vi troverete lì non è Buon Anno ma Buon “Chun Jie” che vuol dire capodanno o festa della primavera in cinese.