Calciomercato: Chi è Doria, il baby talento preso dalla Juventus


Neanche il tempo di riaprire la finestra di “riparazione” di calciomercato 2013, che la Juventus s’è già assicurata le prestazioni di un baby talento brasiliano: sto parlando di Doria, difensore del Botafogo e prossimo ad indossare la maglia bianconera. In realtà l’accordo dev’essere ancora ufficializzato, ma pare che sia soltanto una questione di firme e che quindi l’affare si farà. Ma chi è Doria? Mathias Doria Macedo (conosciuto semplicemente come Doria)  è un giovanissimo difensore brasiliano classe 1994 (18 anni compiuti lo scorso novembre). Il Botafogo se ne assicurò le prestazioni nel 2004, quando lo prelevò da una squadra locale brasiliana dopo averne intuito le grandi potenzialità.

188 centimetri per 82 kg, Mathias Doria ricorda molto Thiago Silva (a cui non ha mai nascosto d’ispirarsi), specie per l’ottima elevazione aerea, oltre che per il fisico imponente. In realtà la sua carriera ricorda molto quella di Giorgio Chiellini (peraltro futuro compagno di squadra)ma, a differenza del roccioso difensore juventino, il baby talento brasiliano possiede anche delle notevoli capacità tecniche che gli consentono di far ripartire l’azione e di giocare sempre il pallone, spesso in modo molto elegante. Arrivato al Botafogo nel 2004, Doria ha militato per ben otto anni in tutte le divisioni giovanili, prima di approdare finalmente in prima squadra.

L’esordio del forte difensore brasiliano con la maglia del Botafogo è datato 27 maggio 2012, nel corso della partita contro il Coritiba, giocata per tutti i 90 minuti. Si tratta di una prestazione non esaltante, in cui Doria si rende protagonista di un autogol e di un’ammonizione. D’allora però il granitico difensore brasiliano comincia a crescere vertiginosamente, acquisendo sempre più sicurezza ed anche un posto da titolare. Le sue performance in campo attirano la dirigenza juventina, che sogna di portarlo in Italia per farlo diventare l’erede di Chiellini. Oggi il sogno pare sia diventato realtà e, se Doria continuasse veramente così, il Milan rischierebbe di trovarsi anche in Italia il fantasma di Thiago Silva.

Dória-Botafogo-