Aumento Benzina: è record europeo!



Natale è passato e dopo la piccola tregua del rialzo, il prezzo della benzina torna ad aumentare inesorabilmente e a contare le cifre sono proprio gli italiani che si trovano a dover fare i conti con il carburante più caro d’Europa. La verde tocca infatti il record di 1,72 euro al litro, a cui da gennaio si aggiungeranno, in almeno dieci regioni d’Italia, i successivi aumenti.

A commentare al situazione, senza evitare le relative polemiche, è stata in primis la Figisc, Federazione dei benzinai aderenti a Confocommercio, che tramite il presidente nazionale Luca Squeri ha dichiarato:

Se oggi il prezzo della benzina italiana è il più alto nell’Europa comunitaria e quello del gasolio si attesta al secondo posto ciò è solo dovuto all’aumento delle imposte che gravano su questi beni di prima necessità. […]

Se le quotazioni internazionali del greggio e dei prodotti finiti hanno pesato per il 25% sull’aumento dei prezzi dei carburanti in Italia, per il 75% vi hanno invece influito gli aumenti di imposte, accisa ed Iva. Senza tali aumenti il prezzo della benzina sarebbe inferiore di 19 centesimi al litro e quello del gasolio di 22.”

Nel frattempo si attende passivamente di subire un ulteriore aumento per l’inizio del 2012, quando almeno dieci regioni italiane avranno ancora addizionali sulla verde facendo salire l’aumento di un pieno a circa 15 euro in più rispetto a prima In questo modo si andrà a toccare direttamente i portafogli degli italiani, prime e forse uniche vittime delle conseguenze più negative della manovra salva-Italia di Mario Monti.