Anno Zero: piange il telefono…



È boom di polemiche intorno alla telefonata che Mauro Masi ha fatto alla trasmissione di Michele Santoro “Annozero”.

Per non dare adito ad ulteriori incomprensioni riportiamo testualmente le parole del d.g. RAI pronunciate al telefono “Mi debbo dissociare e si dissocia l’azienda, nella maniera più chiara, dal tipo di trasmissione che sta impostando, che è come quella impostata la settimana scorsa perchè ad avviso mio e dei miei legali viola il codice di autoregolamentazione sulla trasmissione delle vicende giudiziarie”.

Queste parole hanno scatenato l’ira di Santoro che, forse intenzionalmente, forse no, ha chiesto a Masi di sospendere la trasmissione se proprio stanno violando le regole.

A quel punto Masi, torna sui suoi passi, o si spiega meglio, non è chiaro, e dice che ritira se stesso e l’azienda dal tipo di trasmissione e che non è lui che deve stabilire se le regole vengono violate o no.

Su queste parole Santoro chiude la telefonata e procede con il suo programma, mentre Masi parla con le agenzie di stampa per cercare di spiegare il suo intervento.

Il d.g. spiega che la sua preoccupazione riguardava il taglio che la trasmissione avrebbe potuto prendere, e le eventuali conseguenze che ne sarebbero derivate.

Probabilmente, ma non sappiamo perché non stiamo nella testa di Masi, il d.g. si riferiva al fatto che Fabrizio Cicchitto, invitato alla trasmissione non si era presentato all’ultimo momento, valido motivo, sempre secondo Masi, per sospendere la trasmissione.

Le polemiche intorno al fatto accaduto ad Annozero si stanno diffondendo in quella che sembra una lotta tra chi crede che la libertà di espressione sia morta da un po’, senza che nessuno se ne sia accorto, e chi dice invece che tutte le supposizioni e i commenti sono studiati apposta per dare sempre addosso al Governo, o a chi in qualche modo rappresenta un’autorità ad esso legata.

Voi che ne pensate?

Telefonata Mauro Masi ad Annozero su You Tube