Angela Cavagna Orlando Portento: molestie, ecco la verità sul divorzio



Si sa, con il caldo spesso le cose vengono a galla, tipo i “cadaveri” dei vicini di casa per via della puzza… (ma che bella immagine!). Analogie a parte, due “risorti” dal passato in perfetto stile reperto archeologico, sono senza dubbio Angela Cavagna e l’ex-marito Orlando Portento. Ve li ricordate? Non potete dirmi di no, dai… Comunque vi do un aiutino: lei è stata la famosa “infermiera” sexy di Striscia La Notizia e lui è divenuto noto per aver lanciato il tormentone di “Triccheballacche” anche conosciuto come “Le Cammellate”. Chiaro come il sole, adesso, vero? Molto bene.

Cosa li riporta, dunque, alla ribalta facendo parlare di loro sui giornali scandalistici? E’ presto detto. La Cavagna si è confessata attraverso un’intervista su Dipiù, raccontando di Portento e del suo comportamento da molestatore, mettendoci così al corrente del loro doloroso divorzio. Pare, infatti, che l’uomo si sia rivelato sotto un aspetto non proprio positivo con i suoi millenovecento messaggi che lo fanno entrare a pieno titolo in campo stalking. Non essere d’accordo su tante cose, finito l’amore, è più che comprensibile, ma perseguitare la propria ex-compagna inizia a divenire un qualcosa di non tanto “normale”…

Angela spiega che quando si sono separati lei si è impietosita e ha permesso che Orlando continuasse a stare sotto il tetto coniugale per un certo periodo (sebbene la casa in questione fosse intestata a lei). Peccato che la decisione non si è rivelata come una delle migliori e alla fine ci ha rimesso solo lei. Come si sono poi evolute le cose è presto detto, la “convivenza” non poteva funzionare e il comportamento ossessivo di lui l’ha portata a ridimensionare la sua disponibilità comprensiva. Questo sfogo, comunque, è anche un modo per rispondere all’ex-marito che sulla stessa rivista, qualche tempo fa, ha voluto sottolineare che lei lo voleva sfrattare (poverino!), rinfacciandole di averlo querelato per un semplice messaggino.

Uno solo? Allora, probabilmente, Orlando si è confuso e ha digitato qualche tasto che lo mandasse a ripetizione per millenovecento volte…! Sta di fatto che la Cavagna si è poi rivolta a un giudice (com’è giusto che sia), per riuscire a scampare alla persecuzione dell’uomo, inviperito e ferito nell’orgoglio. Angela, inoltre, confessa di dovere dei soldi a Portento, quando lui comunque prende la pensione mentre lei non trova più lavoro in tv… Mah, sono problemi di vita anche questi, eh? Allora perchè non tenersi il ristorante che avevano aperto assieme, invece di lasciarlo a Orlando?

Voi che dite, è tutto vero? Solo in parte? O abbiamo nuovamente a che fare con qualche “cammellata”?