Alfa Romeo Mito Marshall, tributo al rock

alfa-romeo-mito

La compatta dalla linea sportiva e grintosa della casa del Biscione si veste di nuovo, com’è logico che sia per un’auto pensata per i giovani e per chi ama il dinamismo, l’innovazione e la velocità. Diamo un’occhiata a due novità che riguardano l’Alfa Romeo MiTo, l’entry-level della categoria e una singolare concept car che piacerà agli amanti dei suoni più granitici. Prima di tutto va ricordato che la MiTo è una vettura a due volumi che prende il nome dall’asse Milano-Torino, poiché Milano simboleggia l’Alfa Romeo e Torino il luogo di produzione, il Lingotto.

È stata la prima automobile a sperimentare il DNA, sistema di controllo che interviene sia sull’elettronica sia sulle parti meccaniche. In pratica questo strumento si attiva tramite un manettino sulla plancia consentendo di regolare il livello di taratura di freni, sterzo e cambio, oltre alle soglie di intervento dei dispositivi ABS e VDC. Questa vocazione per la tecnologia accompagna tutta la storia di questa vettura, presentata sul mercato per la prima volta nel 2008.

Quadrifoglio Verde, il MiTo della velocità

La Mito Quadrifoglio Verde è l’ideale per guidatori sportivi, in virtù del cambio a doppia frizione TCT a 6 marce e delle prestazioni del motore, che può raggiungere i 219 km/h dove consentito. C’è inoltre l’aspetto estetico, che di certo ha influito sul successo di quest’auto, esemplificato nella Mito Quadrifoglio dai cerchi da 17”, le pinze dei freni rosse con il marchio Brembo, le finiture brunite per la griglia anteriore, le cornici dei fari, i fendinebbia, maniglie della porta e gli specchietti.

Per gli interni si può scegliere in alternativa ai rivestimenti in pelle e stoffa quelli in fibra di carbonio, mentre sotto il profilo tecnologico spicca il nuovo sistema Uconnect con schermo touchscreen da 5”, previsto in opzione con il navigatore satellitare Tom Tom.

Mito Marshall, tributo alla potenza del rock

Lo storico brand di amplificatori Marshall stringe un legame con l’Alfa Romeo e presenta un’one-off che farà esaltare gli appassionati di musica rock: una versione personalizzata dell’Alfa Mito presentata pochi giorni fa agli Olympic Studios di Londra in occasione della proiezione del documentario di Dave Grohl, “Sound City”.

La vettura ospita nel bagagliaio un amplificatore JVM205H valvolare da 50 Watt con doppio altoparlante 12 pollici, ed è griffata in vari punti con il logo Marshall, mentre il pomello del cambio omaggia il mitico microfono usato da Elvis, lo Shure 55SH. La MiTo Marshall farà la sua apparizione anche in altri eventi in giro per il mondo, la conferma di un autentico interesse verso il mercato giovanile, più propenso ad accogliere con favore partnership di questo genere; del resto i colossi del suono e quelli delle auto non sono così lontani.

alfa-romeo-mito