Air Show Nevada: un incubo con 3 morti e 50 feriti!



Aerei che volteggiano in aria, lasciando gli spettatori sbalorditi ed attoniti. Evoluzioni che non sembrano frutto della sola abilità umana. Gli Air Show sono spettacoli incredibili ed in grado di attirare un gran numero di appassionati, ma, purtroppo, da un po di tempo a questa parte, hanno mostrato il lato più oscuro della medaglia. I sorrisi e lo sbigottimento si sono tramutati, ieri, in panico ed orrore. L’ultima tragedia aerea si è consumata ieri a Reno, in Nevada, durante l’annuale manifestazione denominata National Championship Air Races. Galopping Ghost, un Mustang P-51, ne aveva fatta di strada, in cielo, visto che risaliva all’ormai lontana seconda guerra mondiale. Ieri, però, il suo motore si è fermato, ancora per ragioni imperscrutabili. Forse l’aereo era troppo datato per poter volare ancora? Era stata effettuata una corretta manutenzione?

Jimmy Leeward, il pilota, ormai veterano, uno stuntman famoso ed apprezzato di quasi 80 anni, non ce l’ha fatta ed è deceduto nell’impatto. Sembra che l’uomo abbia mostrato sangue freddo anche se prossimo ad un’inevitabile fine. Avrebbe, infatti, lanciato una disperata richiesta d’aiuto e virato nel modo migliore che poteva per far sì che l’aereo non finisse sulla folla che partecipava all’evento. Purtroppo, però, l’aereo ha impattato proprio sulle prime file di spettatori e lo spettacolo è stato terribile e terrificante. All’attuale, i morti accertati nella tragedia sono tre, ma i feriti sono più di 50 e 15 versano in situazioni disperate. I rottami dell’aereo sono diventate armi letali per la folla che, in preda al panico, per un evento assolutamente inaspettato, correva nella speranza di salvarsi. Molti ce l’hanno fatta, ma non riescono a togliersi da davanti agli occhi quelle immagini di morte e di disperazione, in un giorno che, per la cittadina, doveva essere di aggregazione e lietezza.

La ragione dello schianto? Non è stata ancora accertata. Pare sia da escludersi un malore del pilota, lucido sino all’ultima e struggente virata. Più probabile un guasto tecnico, le cui cause sono ancora tutte da accertare. Si apre però un capitolo di polemiche su questi eventi di indiscusso fascino, ma anche potenzialmente pericolosi. Negli ultimi tempi, infatti, sono stati troppi gli incidenti che hanno offuscato i lati positivi degli show aerei. Qualche esempio? A Kansas City, meno di un mese fa, un altro guasto ha fatto sì che un aereo precipitasse nel bel mezzo di uno show, gremito di spettatori. E ancora, Detroit è stato triste teatro di morte, con un altro incidente aereo che ha ucciso ben 60 persone. E’ evidente che questi spettacoli non vengono effettuati con le dovute cautele e seguendo precise norme di sicurezza. Com’è possibile che questi incidenti si verifichino con quest’intensità? Vengono effettuati i regolari controlli di routine sui velivoli? Spettacoli che, pur nel loro fascino, rischiano di mietere altre vittime…